Fiscalità passiva: un modo per recuperare soldi pubblici. Scopriamo cos’è

di Maurizio Filiberti

In Kibernetes dirigo l’area della Fiscalità passiva per gli enti pubblici. L’espressione fiscalità passiva è conosciuta anche come fiscalità erariale, in ogni caso sono espressioni conosciute dai “tecnici” ma di difficile comprensione per il cittadino comune. Eppure è un aspetto che interessa tutti, anche se non da vicino o direttamente. Perché attraverso la sua buona gestione l’ente pubblico opera consistenti risparmi e questo si traduce in un minor fabbisogno pubblico e, quindi, in prospettiva, in un minore esborso di tasse per il contribuente.

Cosa è la fiscalità passiva?

La fiscalità passiva consiste in tutto quell’insieme di pratiche che porta a un recupero di risorse finanziarie da parte dell’ente pubblico attraverso deduzioni, detrazioni e ottenimento di rimborsi fiscali per versamenti effettuati in eccesso, soprattutto rimborsi Iva e Irap.

La bulimia normativa che caratterizza l’Italia trova la sua sublimazione proprio nella materia fiscale, che è quanto di più complesso e articolato si possa immaginare. L’intricata materia fiscale richiede un’approfondita conoscenza della contabilità pubblica da parte del responsabile finanziario dell’ente: idee chiare sull’imponibilità fiscale delle attività che si svolgono, siano esse di natura istituzionale o accessoria, oltre a un’approfondita conoscenza di tutte le opzioni o scelte tributarie di cui ci si può avvalere.

Cosa facciamo

Sono informazioni e nozioni talmente specifiche che serve un agente esterno, specializzato, per analizzare, studiare e proporre le soluzioni più convenienti per l’ente, quelle che fanno recuperare risorse finanziarie. Dopo aver avere individuato e corretto tutti i rischi di accertamento legati ai controlli dell’autorità finanziaria, Kibernetes aiuta le amministrazioni pubbliche a ottimizzare i processi e recuperare risorse finanziarie.

I risparmi si integrano nel Bilancio, rendendo duraturi i recuperi di risorse economiche.

Perché investire, perché migliorarla

La gestione della fiscalità passiva è uno dei punti di forza di Kibernetes. Tant’è che Fiscalità passiva è proprio il nome che definisce un team di esperti che il Gruppo mette a servizio degli enti pubblici per riorganizzare e ottimizzare le loro aree fiscali. Un tema che ha fatto storia: più di 800 tra enti locali e aziende sanitarie hanno scelto il nostro team, guadagnando maggiori crediti e risparmi nei loro bilanci per oltre 95 milioni di euro.

Occorre comprendere che fiscalità passiva, nel pubblico, è sempre una fiscalità di vantaggio. Dopo aver messo in sicurezza la gestione fiscale degli Enti, è possibile avviare una serie di operazioni che assicurano vantaggi economici. Vediamo come.

Il metodo Kibernetes in soccorso degli enti pubblici

Spesso le gestioni fiscali degli enti si limitano a salvaguardare la regolarità delle operazioni senza avventurarsi in opzioni che portino tutti i vantaggi economici possibili. La fiscalità passiva di impresa degli enti si differenzia molto da quella dei privati: si pensi che ci sono circa 13.000 contribuenti pubblici a fronte di quasi 4.000.000 privati. Questo fa sì che praticamente tutto il settore professionale dei commercialisti, a cui solitamente di rifanno anche gli enti, esprime l’esperienza fatta soprattutto nel settore privato.

Kibernetes ha quindi voluto creare la più strutturata e presente unità specializzata proprio nelle tematiche fiscali pubbliche. Il nostro Team prevede una forte e strutturata collaborazione tra esperti di contabilità pubblica, di contabilità separate, commercialisti, assistenti di progetto, consulenti specializzati nella fiscalità pubblica, informatori: oltre 30 persone che proseguono un’attività iniziata circa vent’anni fa.

Con il Progetto di recupero i nostri esperti analizzano un ente, riordinano la sua gestione fiscale e integrano le sue dichiarazioni in modo da far emergere importanti risparmi: il tutto si ripaga solo con parte dei recuperi e non costringe i clienti a impegnare somme per avvalersi dei servizi di Kibernetes. Siamo spesso più efficaci di altri perché ci siamo formati come specialisti nella fiscalità passiva proprio degli enti.

Servizio di risparmio fiscale mediante verifica e controllo IRAP

  • Obiettivo
    Il servizio nasce per supportare gli Enti nel conseguire rilevanti risultati in tema di riduzione del carico fiscale, mediante un approfondito e sistematico studio  della normativa in tema di I.R.A.P., prevedendo, laddove ne ricorrano le condizioni, il recupero fiscale derivante dall’esercizio dell’opzione commerciale (art. 5 D. Lgs. N. 446/97, come modificato dall’art. 10 bis comma 2 del D.Lgs 506/1999) e di qualsiasi altra forma di deduzione/detrazione IRAP applicabile.
  • Metodologia
    • Analisi scientifico-normativa-metodologica finalizzata a rilevare le attività da svolgere per l’attuazione dell’opzione commerciale e di tutte le altre forme di deduzione/detrazione applicabile;
    • Elaborazione e consegna della relazione finale ai Dirigenti e Funzionari interessati, con descrizione dettagliata del lavoro svolto;
    • Trasferimento del know-how al personale dipendente mediante sedute di formazione e di laboratorio presso l’Ente con nostro personale altamente qualificato, al termine del progetto;
  • Vantaggi

    • Auto finanziato.
      Il progetto viene remunerato in base ai risultati effettivamente raggiunti
    • Abbattimento del “costo” IRAP
      con conseguente notevole risparmio fiscale
    • Riduzione del costo del personale
    • Risparmio certo e prevedibile per gli anni futuri
      su cui l’Ente può investire nel tempo;
    • Azzeramento impatto sulla struttura 
      il progetto è svolto direttamente dai consulenti, senza occupare i tempi della struttura;
    • Nessuna modifica al software
      attualmente utilizzato per la gestione del personale;
    • Nessun aggravio di lavoro
      rispetto a quello attualmente svolto con il criterio istituzionale

Servizio di risparmio fiscale mediante verifica e controllo IVA

  • Obiettivo
    Il servizio ha lo scopo di fornire all’Ente  un supporto diretto e personalizzato di carattere normativo, metodologico e scientifico, con l’obiettivo di predisporre un sistema completo ed efficace per la gestione dei documenti rilevanti ai fini della contabilità IVA, integrandosi con il sistema già in uso presso l’Ente. L’implementazione del progetto consente, inoltre, di creare le condizioni affinché l’ Ente recuperi il credito IVA derivante dall’applicazione del metodo dei “costi ripartiti”.
    Kibernetes segue l’iter completo per l’apposizione del visto di conformità
     così come disposto dall’art. 10, comma 1, lettera a), numero 7 del D.L. 78/2009 convertito dalla Legge 102/2009 (si veda circolare Agenzia delle Entrate n. 1 del 15.01.2010).
  • Metodologia
    • Individuazione di un sistema oggettivo per la determinazione dei “costi ripartiti”
    • Predisposizione di una guida operativa di tutte le eventuali azioni correttive individuate per rendere più efficace l’attuale sistema di gestione IVA
    • Trasferimento di tutto il know-how necessario al personale preposto alla gestione quotidiana della contabilità IVA
    • Attività gestionale e di elaborazione dati:
    • Rettifica eventuale delle dichiarazioni annuali IVA
    • Supporto per l’apposizione del visto di conformità ex art. 35 del D.Lgs. 241/97
  • Vantaggi
    • Auto finanziato.
      Il progetto viene remunerato in base ai risultati effettivamente raggiunti
    • Documentazione IVA aggiornata
      ed in linea con gli adempimenti normativi
    • Nessun aggravio di lavoro per il personale dell’ Ente
      addetto alla tenuta della contabilità IVA
2019-04-11T07:25:06+00:00martedì 15 Gennaio 2019|